Aereo Ethiopian Airlines precipitato, chi erano gli 8 italiani a bordo

©Ethiopian Airlines, recupero delle scatole nere sul luogo della sciagura

Aereo Ethiopian Airlines precipitato, chi erano gli 8 italiani a bordo.  

In Etiopia oggi è lutto nazionale.

Il momento per il Paese è quello dell’avvio delle indagini per capire la causa della sciagura aerea di ieri mattina.  Perchè è precipitato il Boeing 737-Max8?

A bordo del Boeing 737 Max8 in volo da Addis Abeba, (Etiopia) a Nairobi (Kenya) c’erano 157 persone, equipaggio compreso. Nessuno si salva.

Tra loro c’erano anche 8 italiani. L’Italia della cooperazione internazionale che svolge un lavoro lontano da casa, in collaborazione con il nostro MAECI, Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale.

 Per rendere omaggio al loro impegno oggi la bandiera italiana davanti alla Farnesina è a mezz’asta.

©Farnesina, bandiera a mezz’asta in onore dei morti nel  disastro aereo dell’Ethiopian Airlines

Poco fa un bollettino ufficiale della compagnia aerea ha informato  che sono state recuperate le scatole con le registrazioni dei dati di volo e le voci. Nel frattempo, come comunicato dalla stessa Ethiopian Airlines e dal primo ministro Aby Ahmed, gli aerei in questione resteranno a terra.

Ieri in conferenza stampa, Tewolde Gebremariam, Ceo Ethiopian Airlines, ha detto che Yared Ghetacew, pilota esperto, con 8.000 ore di volo alle spalle, si era accorto che c’era un problema e aveva chiesto di rientrare, per un atterraggio d’emergenza.

Subito dopo la caduta del Boeing 737, il sito specializzato Flightrader24 aveva scritto che dopo il decollo l’aereo aveva una “velocità verticale instabile”.

Ethiopian Airlines è un’ottima compagnia, tra le migliori in Africa, con piloti preparati e una flotta di aerei moderni. Il Boeing 737-8 Max precipitato ieri è come quello della compagnia indonesiana Lion Air caduto in mare lo scorso ottobre, 13 minuti dopo il decollo da Giacarta, causando 189 morti.

Per questa inquietante similitudine il New York Times ha titolato,“Ci sono problemi col Boeing 737 Max8?”

Nelle sue diverse varianti il Boeing 737 è uno degli aerei più venduti nella storia dell’aviazione civile. E quello precipitato ieri è l’ultima versione.  

Durante le indagini sul disastro del volo della compagnia indonesiana Lion Air, gli inquirenti avevano ipotizzato che a causarlo potesse essere stato un nuovo software di pilotaggio automatico. Una condizione pensata per prevenire il pericoloso “stallo” del jet e la conseguente caduta.

Tuttavia se nell’informatica di bordo sono inserite informazioni errate su altitudine e angolo di volo, il risultato potrebbe essere proprio una veloce e drammatica perdita di quota. Come avvenuto in entrambi i casi.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

quindici − cinque =