21/06/2024
Breaking News
Home | Uncategorized | Addis Abeba, arrivata ieri una delegazione eritrea

Addis Abeba, arrivata ieri una delegazione eritrea

Marilena Dolce
20/06/19
0
1268

Arrivata ieri ad Addis Abeba (Etiopia) una delegazione eritrea

È arrivata ieri ad Addis Abeba una delegazione eritrea composta dal ministro degli Esteri, Osman Saleh e dall’adviser Yemane Ghebreab. Entrambi hanno espresso al premier Abiy Ahmed, a nome del presidente Isaias Afwerki e del proprio paese, le condoglianze per la morte del padre.

Nella stessa giornata, riferisce l’ufficio del premier etiopico, la delegazione e il primo ministro hanno ricordato, a distanza di un anno, l’accordo di pace stipulato ad Asmara. Una pietra miliare, così è stato definito, per i rapporti tra i due paesi che, grazie a tale distensione hanno potuto ricominciare.

Ora i colloqui tra le parti proseguono per costruire quanto stabilito lo scorso anno.

La Dichiarazione di Pace firmata ad Asmara il 9 luglio prevedeva, infatti, oltre alla fine delle ostilità, con l’accettazione dell’Accordo di Algeri (2002), la ripresa delle relazioni politiche, economiche, sociali e culturali. Quindi l’impegno da parte di entrambi i paesi per la sicurezza nell’area, la ripresa degli scambi commerciali e delle relazioni diplomatiche.

Subito dopo l’accordo, Eritrea ed Etiopia hanno riaperto le rispettive ambasciate, poi alcune frontiere.  Quindi sono riprese le linee telefoniche, così come i voli della compagnia etiopica, che ora raggiungono Asmara.

Ieri, per suggellare il rafforzamento delle relazioni tra i due paesi, il premier Abiy ha invitato Osman Saleh e Yemane Ghebreab a piantare un albero all’interno del compound ministeriale.

Un gesto simbolico, perché i buoni rapporti iniziati continuino a crescere.

Marilena Dolce

Marilena Dolce, giornalista. Da circa dieci anni viaggio verso il Corno d'Africa e da altrettanti scrivo ciò che vedo. Soprattutto per Eritrea ed Etiopia ma non solo. Dal 2012 scrivo per EritreaLive, notizie e racconti in diretta dall'Eritrea. Perchè per capire il mondo bisogna uscire dal proprio quartiere, anche solo leggendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati