Primo viaggio in Eritrea degli studenti della Mason University

Primo viaggio in Eritrea degli studenti della Mason University, Virginia.

Eritrea, primo viaggio degli studenti della George Mason University, foto carol Pineau
Gli studenti scoprono un faro africano nello sviluppo eritreo e ne diventano testimoni.
Ogni storia ha molti risvolti. Quando si tratta di Eritrea però, paese isolato per vent’anni di guerra e nove di sanzioni, molti aspetti di questa storia non sono raccontati. Così ha detto Carol Pineau, ex giornalista CNN che a suo tempo ha narrato la guerra tra Eritrea ed Etiopia e che oggi insegna alla George Mason University.
Quest’estate il Center for the Study of Narrative and Conflict Resolution della Mason University ha portato in Eritrea per due settimane undici fra studenti, dottorandi e frequentanti master. Scopo scoprire lo sviluppo del paese per raccontarlo.
“È eccezionale che l’istituzione numero uno in America per lo studio della risoluzione dei conflitti vada in Eritrea, un luogo post bellico in tempo reale”, ha detto Carol Pineau che ha organizzato il viaggio con il professor Solon Simmons della stessa Mason University
Durante il viaggio da lei sponsorizzato, cui ha partecipato anche la direttrice del Centro Sara Cobb, gli studenti della Mason University hanno incontrato ministri della sanità, del welfare, dell’istruzione, dell’agricoltura e dello sviluppo, Oltre a rappresentanti delle Nazioni Unite e diversi ambasciatori.
Gli studenti hanno visto  progetti di sviluppo fuori Asmara. Tra questi un ospedale specializzato in cure pediatriche e materne e progetti di riforestazione, terrazzamenti per la conservazione dell’acqua e del suolo, dighe per migliorare l’acqua potabile.
Ospedale materno pediatrico di Mendefera, Eritrea. Una delle strutture visitate dagli studenti della Mason University. Foto Carol Pineau
Hanno anche incontrato i più noti scrittori eritrei e l’autore dell’inno nazionale. Poi hanno visitato i luoghi delle battaglie accompagnati dal comandante che ha condotto quella decisiva che ha messo fine alla lotta (ndr, 1991).
“La giustizia sociale è uno dei loro valori più alti” ha detto Friderike Butler, studente di un corso post laurea in Organization Development e Knowledge Managment, riferendosi a quanto sentito.
“Qualsiasi approccio che porti allo sviluppo per essere un bene per la società deve garantire uguaglianza, rispetto per l’ambiente e sostenibilità”. “Ciò che mi ha sorpreso” ha detto Gbenga Dasylva, PhD in Conflict Analysis and Resolution, “è che ci troviamo davanti un Paese africano con un’idea di sviluppo da loro stessi proposta e portata avanti”.
“L’Eritrea”, ha aggiunto, “ha una cattiva reputazione sulla stampa internazionale. Spesso è vista come ostinata o minacciosa. Questo perché non vuole aiuti dall’esterno. Il Paese non è nella World Bank. Non accoglie Ong, né organizzazioni internazionali che decidono i programmi a tavolino. E tuttavia è uno dei pochi paesi in Africa che ha raggiunto gli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite. Come possono eccellere senza aiuti?
Cercano in Africa soluzioni per le sfide dell’Africa, ha detto Carol Pineau. Che ha aggiunto che la storia dello sviluppo dell’Eritrea modifica il racconto per cui esso avviene grazie all’Occidente che trova le soluzioni.
“I loro programmi di sviluppo sono davvero incredibili” ha detto Butler, che ha citato come esempio il Minimum Integrated Household Agricultural Package. Un pacchetto per l’agricoltura che dà alle famiglie eritree gli strumenti per imparare l’allevamento biologico, sostenendo la propria famiglia, mantenendola, creando reddito e aiutando i vicini a fare lo stesso.
L’approccio innovativo eritreo, ha detto Pineau, potrebbe portare benefici al resto del mondo se si adottassero le soluzioni pensate in loco. L’esperienza eritrea ha lasciato un segno negli studenti.
Dasylva ha detto di essere stato talmente ispirata dall’Eritrea da aver cambiato la propria tesi di laurea. Ora intende seguire lo sviluppo che sta avvenendo in Eritrea, perché può essere un modello per il resto dell’Africa.
“È necessario per noi studiosi di relazioni internazionali” ha detto, prendere in esame le questioni contestualizzandole, ripensando definizioni come sviluppo, peace building e governance.
Lo sviluppo non è costruire edifici, ha detto Dasylva. “È piuttosto chiedersi se la gente ha una qualità di vita. Se è in grado di mantenersi. L’Eritrea si è posta queste domande”.
Durante il viaggio gli studenti hanno registrato molte interviste e hanno raccolto documentazione sulla popolazione e sulla storia dell’Eritrea.
Il loro lavoro si può vedere sulla pagina di testimonianze dall’Eritrea della Mason University
Mariam Aburdeinech: Students discover African-led development in Mason’s first trip to Eritrea.
(traduzione in italiano EritreaLive)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

1 × cinque =