NOVA LECTIO CHIAMA, ERITREA RISPONDE

L’Eritrea è come la Corea del Nord, come dice Nova Lectio? Ma perché? Chi l’ha detto per la prima volta e come mai è diventato un tormentone? Perché capire i paesi dell’Africa per l’Occidente e per l’Italia è così difficile? Un po’ di chiarezza per un dialogo che quando c’è di mezzo l’Eritrea diventa sempre un monologo tenuto da altri, possibilmente non eritre. A giugno è uscito per Nova Lectio un video nel quale, ancora una volta, l’Eritrea è definita Corea del Nord africana. Partendo da quest’affermazione abbiamo risposto con un video, “Nova Lectio chiama, Eritrea risponde”. A parlare è @Yonas Tesfamichael, un po’ eritreo e un po’ italiano, che con la famiglia ha vissuto in Eritrea. Diciassette minuti per ripercorrere la storia recente, ma anche quella attuale dell’Eritrea. Pensate all’errore di indicare con un nome sbagliato il Tigray, regione calda dell’Etiopia al centro di un conflitto ancora in corso o di affermare che a Badme, città di confine tra Eritrea ed Etiopia, nel 1998-2000 si è combattuo per una “pietraia”. Filmati dell’epoca mostrano i volti disperati della gente costretta a lasciare casa. Perchè questa è la tragedia delle guerre. Infine i trent’anni di lotta grazie ai quali l’Eritrea ha liberato Asmara e conquistato l’indipendenza, nel 1991. Ecco perchè, “vittoria alle masse” non è un motto desueto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

CAPTCHA ImageChange Image