Eritrea, primo caso accertato di covid-19

 

 

 

Eritrea, Asmara, Ospedale Orotta

In Eritrea primo caso accertato di covid-19.

Ieri il Ministero della Sanità  eritreo ha dichiarato il primo caso di coronavirus, covid-19.

Si tratta di un cittadino eritreo di 39 anni residente in Norvegia e atterrato all’Aeroporto Internazionale di Asmara con un volo proveniente da Dubai.

L’uomo, dopo un primo screening di temperatura, effettuato all’arrivo, è stato inviato presso una struttura attrezzata per eseguire il tampone covid-19  che ha dato esito positivo. Quindi ora è in isolamento. Una quarantena che di prassi dura 14 giorni durante i quali i sanitari lo terranno in osservazione.

La buona notizia, se così si può dire, è che l’Eritrea era preparata a un possibile arrivo del virus covid-19. Hanno i kit per eseguire i necessari tamponi. Inoltre hanno stabilito e divulgato nei giorni scorsi misure di prevenzione e di contenimento, come la quarantena obbligatoria.

Il governo chiede ora, non solo agli stranieri, ma anche agli eritrei che risiedono all’estero di rimandare i viaggi programmati, di non tornare a casa. Certo una pena aggiuntiva per tutti quelli che vorrebbero essere vicini magari per aiutare o essere aiutati dalle proprie famiglie. Tuttavia una cautela assolutamente necessaria vista la capillare diffusione del virus in tutti i paesi del mondo.

Che gli spostamenti siano un errore fatale l’ha dimostrato ampiamente l’esperienza italiana e i ritardi accumulati nel frenare le possibilità di contagio stanno costando all’Italia un numero di morti altissimo.  Il virus viaggia con le persone. Si muove con loro da nord a sud, senza temere passaggi di continenti.

Ieri, dopo che i Tweet del Ministro dell’Informazione, Yemane Ghebremaskel, hanno diffuso la notizia del primo paziente contagiato, in molti sui social si sono chiesti se tutti i passeggeri di quel volo fossero stati fermati e messi in quarantena.

Una risposta è arrivata oggi. La televisione di Stato, EriTv, ha mandato in onda in mattinata uno speciale covid-19.

Sull’arrivo dell’uomo risultato positivo al virus, ha parlato una dottoressa. Rispondendo alle domande dei telespettatori la dottoressa ha precisato che sono stati rintracciati tutti i passeggeri del volo in questione. Quindi ora sono in quarantena. Inizieranno poi i controlli e, se necessario, i tamponi per loro e per le rispettive famiglie.

Verrà inoltre comunicato un numero da chiamare in caso di sospetto covid-19.

Per il momento in Eritrea le scuole pubbliche sono aperte. Solo la scuola italiana ha sospeso le lezioni già lo scorso giovedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

3 × cinque =